Etichetta

Vegetariano

Verdure

Puré di zucca gratinato al forno

Puré di zucca gratinato al forno

Il forno di casa in queste giornate così fredde non conosce riposo….praticamente ogni giorno lo accendo per cuocere o scaldare i piatti che prepariamo ed anche la ricetta di questo puré di zucca non fa eccezione!

E’ semplice da fare, delicato e piace ai bambini! Provatelo anche voi…..

 

 

Lascia un commento goloso
Articoli Correlati
Manzo all’olio
11 dicembre 2017
Ratatouille di verdure invernali
30 novembre 2017
Polpette di verza con cuore fondente di provolone molisano
7 marzo 2017
Senza categoria

Insalata di tofu marinato al Tabasco® con verdure e rughetta

Insalata di tofu marinato al Tabasco® con verdure e rughetta
Insalata di tofu marinato al Tabasco® con verdure e rughetta

Rieccomi qui dopo un’assenza dal blog che mi è sembrata durare un’infinità, forse perché in queste ultime 3 settimane sono veramente successe tante cose che hanno sconvolto la mia vita…….nonostante tutto, sono riuscita però a mettere mano alle ultime modifiche del blog che ora si presenta in una veste tutta nuova. Lay out nuovo, colori nuovi, ma la mano che scrive ed, ancora prima che realizza queste ricette è rimasta la stessa.

Lascia un commento goloso
Articoli Correlati
Fichi caramellati con miele e feta
5 settembre 2017
Bigoli con pesto di zucchine ed acciughe del Cantabrico
28 agosto 2017
Calamari ‘mbottonati
17 agosto 2017
Riso

Riso integrale con verdure e tofu

Sono ancora a dieta e visto che a pranzo devo mangiare pasta o riso possibilmente integrali mi sto sbizzarrendo con le ricette a base di riso integrale.
Questa ricetta l’avevo trovata non ricordo più su quale rivista; l’ho rivisitata e l’ho preparata, realizzando un piatto completo decisamente appetitoso, che ha convinto anche l’Uomo Goloso.

Continua a leggere…

Lascia un commento goloso
Articoli Correlati
Fregola risottata con salsiccia e fave
7 ottobre 2016
Piadina mortadella, zucchine e salsa Tabasco
4 luglio 2016
Torta rustica carciofi e prosciutto cotto
30 maggio 2016
Insalate

Insalata di finocchi, arance, olive ed acciughe


Nonostante siamo oramai in primavera e l’inverno sia definitivamente alle spalle, continuiamo lo stesso a preparare questa insalata che a casa mette d’accordo tutti. Adesso la prepariamo con le arance tardive che sono dolcissime e che piacciono anche alla Nanetta, che in genere non gradisce molto le arance. Questo piatto contiene due ingredienti che sia io che l’Uomo Goloso amiamo moltissimo: le olive e le acciughe. In realtà la ricetta “tradizionale” di questa insalata, per altro molto diffusa al Sud, prevede le olive nere; io l’ho cambiata, modificandola ed adattandola ai nostri gusti, sostituendo le olive nere con quelle taggiasche ma, soprattutto, aggiungendo le acciughe che amiamo moltissimo.




E’ un’insalata fresca, ottima a fine pasto ma deliziosa anche come secondo piatto unico.

Ingredienti per 2 persone
3 arance
1 finocchio
1 cucchiaio di olive taggiasche
4/5 acciughe sott’olio
olio evo q.b.
1 cucchiaino di aceto
sale e pepe q.b.

Sbucciare le arance e tagliarle a cubetti. Affettare i finocchi sottilmente. Snocciolare le olive taggiasche. Sminuzzare i filetti di acciughe. Preparare il condimento emulsionando insieme l’olio, l’aceto, il pepe e le acciughe. Con questo condimento condire l’insalata un paio di ore prima di consumarla. E’ bene lasciare riposare l’insalata e mescolare di tanto in tanto affinché tutti gli ingredienti si insaporiscano. Io metto sempre pochissimo sale, perché le acciughe sono già molto sapide e lo stesso dicasi per le olive taggiasche.




Lascia un commento goloso
Articoli Correlati
Insalata niçoise
14 agosto 2017
Insalata di fagiolini e patate con salsa al formaggio fresco
22 giugno 2017
Insalata di barbabietola, patate e pancetta
14 aprile 2017
Riso

Il rosso ed il nero: risotto al vino (rosso) e tartufo (nero)


Nel corso delle peregrinazioni gastronomiche che hanno caratterizzato le nostre ultime vacanze estive siamo passati per Assisi e Spello. Oltre a visitare le bellezze artistiche di quei luoghi incantati dichiarati patrimonio dell’Umanità, non potevamo non soffermarci anche sui prodotti della natura: olio, vino, salumi e tartufi neri, chiamati comunemente scorzoni. Abbiamo recuperato il contatto di un signore che commercia in tartufi, siamo andati a trovarlo nel suo laboratorio ed abbiamo acquistato dei tartufi neri con cui abbiamo già realizzato dei succulenti tagliolini al tartufo nero.





Visto il grande amore dell’Uomo Goloso per il riso, non poteva però mancare nel nostro repertorio una ricettina di risotto al tartufo che, in questa occasione, abbiamo abbinato al vino rosso.
220 gr di riso carnaroliBrodo vegetale q.b.Vino rosso fermo q.b.Olio q.b.15 gr di tartufo  nero/persona2 cucchiai di parmigiano 1 noce di burro Sale q.b.

In una pentola mettete dell’olio, unite il riso, tostatelo e cominciate a cuocerlo normalmente aggiungendo del brodo vegetale al bisogno. A metà cottura, unite il vino rosso. Continuate la cottura sino alla fine: spegnete, aggiungete il burro ed il parmigiano. Mescolate bene, grattate il tartufo a scaglie al momento e servite in tavola.
Lascia un commento goloso
Articoli Correlati
Risotto finferli, castagne e gorgonzola
30 ottobre 2017
Risotto cavolfiore viola acciughe stracchino
19 ottobre 2017
Risotto con asparagi e prosciutto crudo
26 maggio 2017
Antipasti

Polpette di melanzane: best of summer 2011


Ed eccoci arrivati ad una delle ricette da me preferite: le polpette di melanzane. La ricetta che vi propongo oggi mi è stata girata dalla mia amica Laura, siciliana per nascita ma brianzola di adozione. Potete usare queste polpette come stuzzichini, come secondo vegetariano o come una sfiziosa schiscetta da portare in ufficio. In ogni caso queste polpettine sono buonissime anche il dopo conservate a temperatura ambiente.




Per 3 persone
Prendete due melanzane di media grandezza viola scuro. Tagliate l’attaccatura e praticate con il coltello delle profonde incisioni nel senso della lunghezza. Fate scaldare l’acqua in una pentola, portatela ad ebollizione, salatela e poi mettete le melanzane a cuocere. Per quanto tempo, vi starete chiedendo? Dipende dalla grandezza delle melanzane. Comunque se infilate una forchetta nella melanzana e sentite che è molto morbida, allora sarà sicuramente cotta. Lasciate scolare le melanzane almeno 4 ore. Io le cucino la sera prima e le lascio nello scolapasta tutta la notte. Quando le recupererete strizzatele leggermente e poi cominciate a smembrarle con le mani: vedrete che la pelle verrà via facilmente. Mettete la polpa in un’insalatiera e mescolatela con l’uovo (1 0 2 uova: anche qui dipende dalla quantità di polpa melanzane che avrete recuperato), il pangrattato, un’idea di aglio (io non l’ho messo perché quando faccio le ricette per mia figlia preferisco evitarlo), sale, pepe, un paio di cucchiai di parmigiano e prezzemolo. Otterrete un composto morbido ma assicuratevi che non sia troppo morbido perché altrimenti non riuscirete a fare i supplì. Mettete nell’incavo di una mano un po’ di composto, all’interno, aggiungete un pezzetto di caciocavallo ragusano (in alternativa potete utilizzare un provolone saporito), chiudete le polpette con dell’altro composto e fatene una sfera che passerete nel pangrattato…..

A questo punto dovrete operare una scelta tra le più difficili che ci siano: friggere queste deliziose piccole sfere dal cuore tenero oppure metterle nel forno a 170° per 20-25 minuti circa con un filo d’olio …..io ho optato per la seconda opzione, decisamente più sana ma anche meno appetitosa. 
Lascia un commento goloso
Articoli Correlati
Fichi caramellati con miele e feta
5 settembre 2017
Bigoli con pesto di zucchine ed acciughe del Cantabrico
28 agosto 2017
Calamari ‘mbottonati
17 agosto 2017
Verdure

Millefoglie di melanzane e mozzarella




L’avete riconosciuta? E’ la Nanetta mentre sta aspettando il treno che l’ha portata via da Milano ……….tra la depressione a seguito dell’allontanamento della piccola di casa, il caldo torrido e la stanchezza di un anno di lavoro, la voglia di cucinare è pari a sotto zero……ed allora l’altra sera mi sono “inventata” questo millefoglie di mozzarella. E mentre lo componevo, mesta mesta, pensavo veramente che we are family e che senza uno dei tre componenti si sta proprio male….


Buon fine settimana a tutti: noi lo passeremo barricati in casa con l’aria condizionata.

Fettine di melanzane tonde grigliate
Fettine di mozzarella
Una ventina di foglie di basilico
un cucchiaio di mandorle sfilettate
olio evo q.b.
sale grosso
Tagliate le melanzane a fettine e grigliatele. Tagliate la mozzarella a fettine. Preparate un pesto con basilico, olio evo, mandorle e sale grosso. Cominciate la costruzione del millefoglie partendo dalla fettina di melanzana ed alternandola con la mozzarella. Condite con il pesto basilico-mandorle.
Lascia un commento goloso
Articoli Correlati
Fichi caramellati con miele e feta
5 settembre 2017
Bigoli con pesto di zucchine ed acciughe del Cantabrico
28 agosto 2017
Calamari ‘mbottonati
17 agosto 2017
Cereali e Legumi

Insalata di ceci neri, tofu e curcuma


Oggi parte la Nanetta: la porta giù a Roma mia sorella, poi andrà al mare con i nonni …..Io e l’Uomo Goloso siamo già super tristi. Razionalmente so che passare due settimane al mare le farà un gran bene, che si divertirà a giocare con gli altri bambini, a ballare la baby dance tutte le sere. Qui con questo caldo non potremmo offrirle gli stessi divertimenti…..





…..ma queste considerazioni razionali non tolgono nulla al fatto che il Cucciolo di casa ci mancherà da morire, che la casa sarà vuota senza il suo continuo vociare, senza i suoi capricci, senza le sue canzoni e senza i suoi “mamma fermati un attimo”. Sarà per noi l’occasione per passare due settimane en amoureux, con dei ritmi sicuramente più tranquilli; ci concederemo aperitivi in terrazza, cenette al lume di candela, cinema in lingua originale, orari meno regolari, pasti improvvisati….insomma sarà vacanza anche un po’ per noi che ci ritroveremo insieme da soli, con un occhio però al calendario spuntando i giorni che ci separano dalle nostre ferie……
Oggi vi lascio questa ricetta vegana realizzata con gli ultimi ceci neri della Murgia.
200 gr di ceci neri della Murgia100 gr di tofu2 cucchiaini di curcuma1 cucchiaino di menta essicata½ cipolla di TropeaOlio evo q.b.Sale e pepe macinato al momento q.b.

Mettere ammollo i ceci neri per 18 ore circa. Cuocerli in pentola a pressione: calcolate mezz’ora da quando la pentola comincia a fischiare. Se li cuocete con pentola normale il tempo di cottura è di 180 minuti circa. Affettate la cipolla di Tropea. Tagliate a cubetti il tofu. In una padella scaldate un filo di olio evo, fate rosolare la cipolla ed aggiungete poi i ceci insieme al tofu. Cuocete a fuoco medio per 3-4 minuti aggiungendo dell’acqua al bisogno. Unite poi la curcuma e la mente e proseguite la cottura per un altro paio di minuti. Io preferisco mangiarla tiepida o addirittura a temperatura ambiente ma vi lascio liberi di scegliere.
2 Commenti golosi
Articoli Correlati
Pasta di farina di ceci con sgombro, pomodori secchi e cipolle di Tropea
14 dicembre 2017
Fettuccelle di farina di lenticchie, pomodoro e briciole di cotechino
7 dicembre 2017
Pasta con ragù di mortadella e piselli
30 maggio 2017
Cake e Torte Salate

Torta salata carciofi e patate


La stagione dei carciofi è finalmente arrivata ed io sto facendo una scorpacciata: crudi in insalata, cotti nella pasta o nel risotto, al forno all’interno delle lasagne ed ora anche in una torta salata. I carciofi sono tra gli ortaggi che preferisco ed in questo periodo non me li faccio mai mancare.




Lo scorso weekend ho preparato al volo questa torta salata: ero stata giorni fa da Picard per comperare dei gelati formato mignon per la piccola e tra le diverse torte salate proposte ho visto questa, una torta salata  con carciofi e patate…..perché non rifarLa a casa visto che avevo tutti gli ingredienti a portata di mano e di frigorifero?Io l’ho rifatta alla mia maniera, ma vi assicuro che la mia maniera è molto molto golosa ;-)))
1 rotolo pasta sfoglia5 carciofi tipo mammole2 patate di medie dimensioni4 sottilette2 cucchiai di parmigiano grattugiato3 cucchiai di panna di soiaOlio evo q.b.1 spicchio di aglioSale q.b.

Pulite i carciofi ed immergeteli nell’acqua con il limone per evitare che anneriscano. Sbucciate le patate e tagliatele a cubetti. Tagliate sottilmente anche i carciofi. Scaldate un po’ di olio in una padella e fate imbiondire l’aglio. Unite i carciofi e le patate e lasciateli cuocere a fuoco svelto per 4-5 minuti circa. Aggiustate di sale e pepe. Srotolate il foglio di pasta sfoglia: bucherellatelo. Sul fondo disponete le fettine di sottilette. Poi versate il melange carciofi-patate. In una terrina sbattete la panna ed il parmigiano. Versate il composto sulla torta. Richiudete i bordi spennellandoli con un po’ di olio oppure con il tuorlo di un uovo. Infornate a 180° per 30 minuti circa. Lasciate raffreddare prima di consumare.
Lascia un commento goloso
Articoli Correlati
Rotolo di sfoglia con mortadella e crema di ricotta
5 giugno 2017
Tortino integrale di porri e prosciutto
12 dicembre 2016
Torta rustica carciofi e prosciutto cotto
30 maggio 2016
Seo wordpress plugin by www.seowizard.org.