Etichetta

Zuppe

Cereali e Legumi, Minestre e Zuppe

Vellutata castagne e lenticchie

Vellutata castagne e lenticchie

Con l’arrivo dei primi freddi, ritorna la voglia di zuppe e di vellutate….di comfort food che fanno bene alla salute ma anche al morale……ho voluto recentemente provare  questa crema di castagne e lenticchie decorticate che fa tanto autunno e riscalda queste prime giornate di grigio!

 

Lascia un commento goloso
Articoli Correlati
Scamorza al forno dai sapori autunnali
16 ottobre 2017
Tartare di fassona piemontese con melograno
11 ottobre 2017
Crostoni di polenta con zucca e briciole di ventricina croccante
9 ottobre 2017
Minestre e Zuppe

Bisque di gamberetti con lenticchie e tofu


Mi sono lasciata alle spalle un fine settimana di puro relax: sabato sono riuscita a fare un bel massaggio (era una vita che non facevo un massaggio), ho fatto un po’ di shopping, mentre domenica, nonostante non fosse una bellissima giornata, ci siamo dedicati al giardinaggio. La stagione è decisamente in anticipo: la camelia giapponese è lì lì per sbocciare, così come la magnolia stellata. Le violette selvatiche hanno invaso il nostro piccolo giardino, ed il loro viola spicca in mezzo ai tanti colori delle primule, i fiori preferiti dell’Uomo Goloso. 



Amo molto questo periodo dell’anno, l’inizio della primavera, più che la primavera stessa. Amo osservare la natura che si risveglia (quest’anno ad onor del vero non è mai andata in letargo…..), le giornate che si allungano improvvisamente e le ombre che la luce proietta sulle cose e sulle persone. E poi quando esco dal lavoro fa ancora giorno e mi illudo che l’estate sia vicina…….Oggi vi lascio una ricetta che ho preso da un numero de La Cucina Italiana, io l’ho rivista leggermente, cercando di ammorbidire il lato troppo invadente del curry. A me è piaciuta ma l’Uomo Goloso l’ha apprezzata ancora più di me, tanto da finirla!
Per la bisque150 gr di gamberetti300 ml di acqua50 gr di soffritto (cipolla, sedano, carota)1 cucchiaino di curry dolce2 cucchiai colmi di latte di cocco per la cucina2 cucchiai di panna da cucina vegetale1 cucchiaio di salsa di soiasale q.b.100 gr di tofu 120 gr di lenticchie lessate
In una pentola, rosolate il soffritto con un po’ di olio, poi aggiungete i gamberetti ed il curry e fate insaporire il tutto per un paio di minuti. Coprite con 300 ml di acqua e proseguite la cottura per altri 15 minuti. Frullate il tutto con un frullatore ad immersione, unite la panna ed il latte di cocco e continuate la cottura per altri 5 minuti. Tagliate il tofu a dadini e saltateli in padella per un paio di minuti con un filo di olio aggiungendo alla fine la salsa di soia. Nello stesso fondo di cottura insaporite le lenticchie che avrete precedentemente lessato. In una ciotola versate la bisque, unite i dadini di tofu e le lenticchie saltate. Se vi piacciono i gusti ancora più decisi allora potete anche aggiungere dell’altro curry.



Lascia un commento goloso
Articoli Correlati
Vellutata detox di carote e mandorle
18 gennaio 2011
Minestre e Zuppe

Minestra di ceci, patate e porcini


Quello appena trascorso è stato un weekend dalle tinte grigie e non mi riferisco solo al grigio della nebbia che ha avvolto tutto intorno a Milano…..chi mi segue da un po’, conosce bene il mio attaccamento per la Francia: ho vissuto molti anni in Francia ed alcune fra le persone  alle quali sono più attaccata vivono lì, a Parigi. Sabato mattina nell’alzarmi e nell’apprendere con sgomento la notizia degli attentanti a Parigi la mia prima reazione è stata quella di scoppiare in lacrime: un pianto a dirotto, con i singhiozzi che ha lasciato però ben presto il posto all’inquietudine….staranno tutti bene? 




Ed allora è cominciato il giro di telefonate, di messaggi su whatapp e sui social network: è iniziato l’appello per capire se qualcuno dei miei amici fosse rimasto coinvolto negli attentati. Ho potuto tirare un sospiro di sollievo nell’apprendere che stavano tutti bene, sotto choc ma bene…….ma è rimasto un dolore profondo, persistente, un’enorme tristezza che mi ha accompagnato per tutto il weekend e che vi sto descrivendo in questo momento. Mi sono astenuta e mi astengo dal fare commenti pubblici su come questa drammatica situazione potrebbe essere risolta…….non lo so…. credo però fermamente nel dialogo e nella capacità di trovare soluzione anche i problemi apparentemente più difficili che gli uomini hanno dimostrato nel corso dei secoli……Oggi vi propongo una minestra comfort food che mi sono preparata nel fine settimana per riscaldarmi dalla sensazione di freddo interiore che non mi ha mollato un attimo.Buona settimana…….
Ingredienti per 4 persone150 gr di ceci secchi2 patate grosse150 gr porcini freschi tagliati a cubettiSoffritto q.b.Sale q.b.
Prezzemolo q.b.
Mettete ammollo i ceci secchi per 18-24 ore, poi cuoceteli in pentola a pressione per 15 minuti circa: i ceci dovranno risultare ancora duretti. Sbollentate appena le patate:  in una pentola con dell’olio, fate soffriggere il sedano, la cipolla e la carota. Aggiungete poi i ceci e le patate tagliate a cubetti, fatele andare per 15-20 minuti circa. Unite poi i funghi porcini freschi anche questi tagliati a cubetti. Continuate la cottura per altri 5 minuti. In ultimo versate il prezzemolo sminuzzato. Aggiustate di sale e pepe. Versate in una scodella con un filo olio e mangiate caldo.
Lascia un commento goloso
Articoli Correlati
Scamorza al forno dai sapori autunnali
16 ottobre 2017
Tartare di fassona piemontese con melograno
11 ottobre 2017
Crostoni di polenta con zucca e briciole di ventricina croccante
9 ottobre 2017
Minestre e Zuppe

Vellutata di castagne e zucca




Ho ricevuto la settimana scorsa “Chi l’ha mangiato?”, un nuovo libro illustrato edito da Editoriale Scienza che ho immediatamente condiviso con la Nanetta, anche se in realtà questo libro è destinato ai bambini dai 2 anni in su. 

Il libro illustra in modo giocoso una “lezione di ecologia” attraverso il semplice gioco del c’è e non c’è più: grazie alle numerose alette da sollevare, i bambini apprendono che si può giocare a nascondino con il cibo e scoprono che a volte agli animali piacciono gli stessi alimenti che amiamo noi proprio perché la  natura riesce a nutrire tutti.
Chi ha mangiato le uova?……sfogliando le pagine del libro, alla fine i piccoli lettori capiranno che si tratta proprio della volpe……oppure chi ha divorato l’insalata? Tutto questo con l’obiettivo di dimostrare che gli animali sono golosi quanto noi!






E se state già pensando ai regali di Natale sappiate che dal 3 ottobre al 2 novembre Editoriale Scienza ha lanciato una promozione dal titolo  “La scienza è servita” che prevede lo sconto del 20% su tutti i loro libri….un’ottima occasione per fare dei regali interessanti per i vs cuccioli!


400 gr di zucca tagliata a dadini
200 gr di castagne bollite
1 patata grande tagliata a dadini
latte di soia q.b.
soffritto q.b.
40 gr di pancetta a cubetti
olio evo q.b.
sale e pepe q.b.
2 cucchiai di parmigiano grattugiato

In una pentola versate un filo di olio, fate soffriggere le verdurine, poi aggiungete la zucca, le patate e le castagne: ricoprite di acqua le verdure e cuocete. Ora se avete una pentola a pressione con 10 minuti di cottura ve la cavate; se invece disponete di una tradizionale pentola la cottura sarà circa di 30 minuti. A fine cottura frullate il tutto, se la vellutata risulta troppo densa aggiungete un pochino di latte di soia. Aggiustate di sale e di pepe. Nel frattempo fate cuocere in una padellino i cubetti di pancetta sino a quando non saranno diventati croccanti. Versate nelle ciotole la quantità di vellutata desiderata, aggiungete le briciole di pancetta, il parmigiano a piacere e mangiate calda.
2 Commenti golosi
Articoli Correlati
Scamorza al forno dai sapori autunnali
16 ottobre 2017
Tartare di fassona piemontese con melograno
11 ottobre 2017
Crostoni di polenta con zucca e briciole di ventricina croccante
9 ottobre 2017
Minestre e Zuppe

Canederli delicati al prosciutto cotto


Con le temperature ritornate nuovamente accettabili, ho deciso di realizzare questa versione delicata dei canederli che vi avevo già proposto.Mi piacciono molto i canederli perché sono versatili e si possono realizzare praticamente con tutto e poi anche perché permettono di far fuori il pane secco che inevitabilmente rimane sempre in dispensa e qualche salume. 




Ho notato però che se preparo i canederli con lo speck, alla fine del primo canederlo, il sapore dell’affumicato mi ha già un po’ stancato ed allora, come alternativa più delicata, ho deciso di prepararli soltanto con il prosciutto cotto: il risultato si addice decisamente di più al mio palato.
Io scappo, vado a recuperare la Nanetta: oggi è il suo primo giorno di scuola….ma anche il nostro primo giorno di scuola…..
Eccovi la ricetta che condivido volentieri con voi:200 gr di pane raffermo 30 gr di burro2 uova 1 scalogno150 ml di latte100 gr di prosciutto cottoFarina q.b. Una grattugiata di noce e di pepe1 cucchiaio abbondante di prezzemolo2 cucchiai di parmigiano Brodo di carne q.b.

In un tegame rosolate lo scalogno, aggiungete il prosciutto cotto tagliato a dadini e dorarli per un paio di minuti. Contemporaneamente bagnare il pane raffermo con il latte, aggiungere poi il prosciutto: amalgamare bene il tutto, poi unire le uova, il prezzemolo, il parmigiano, la noce moscata, il pepe ed, eventualmente il sale. Se l’impasto dovesse risultare troppo molle, a questo punto, aggiungete un paio di cucchiai di farina. Lasciare riposare l’impasto per una mezz’ora. Formare delle palle di circa 5-6 cm di diametro: c’è chi li ama più grandi e chi, invece, li preferisce più piccoli. Cuoceteli nel brodo per 7-8 minuti circa. Io avevo preparato un brodo di bollo, anche questo molto delicato. In un piatto versate i canederli ed il brodo. Cospargete eventualmente con parmigiano grattugiato. 
Lascia un commento goloso
Articoli Correlati
Scamorza al forno dai sapori autunnali
16 ottobre 2017
Tartare di fassona piemontese con melograno
11 ottobre 2017
Crostoni di polenta con zucca e briciole di ventricina croccante
9 ottobre 2017
Minestre e Zuppe

Vellutata di fagiolini con gocce di pesto: best of estate 2011!


Chiedo scusa ai miei lettori e a quanti mi seguono da sempre. Nel mio ultimo post vi avevo lasciati scrivendo che mi sarei fatta viva con una sorpresa ed invece non ho più dato segni di vita…..cos’è successo? La risposta è semplicissima: sono stata letteralmente travolta dalle vacanze e dalla stanchezza accumulata nel corso degli ultimi 12 mesi e mi sono lasciata andare…….ho vissuto pienamente queste tre settimane di ferie insieme alla mia famiglia, liberando la testa dai pensieri negativi e dallo stress che ultimamente si erano insediati dentro di me…..per farvela breve ho dimenticato tutto: lavoro, blog, cucina e persino la  lettura alla quale non rinuncio mai!



Ed ora eccomi rientrata a casa,  al lavoro ed al mio blog……dal prossimo weekend mi rimetterò anche in cucina: per ora vi lascio un post di una ricetta che ha riscosso molto successo nell’estate del 2011……e continuerò con la proposta dei best of per tutta la settimana!Vi metto anche il link nel caso in cui vi venisse la voglia di rileggere il mio post!
Buon rientro a tutti voi!
Ingredienti
400 gr fagiolini (io ho usato quelli dell’orto che avevo congelato)450 gr di patateSoffritto (carota, cipolla e sedano)PestoOlio evoSale q.b.CrostiniParmigiano
Nella pentola a pressione fate scaldare un po’ di olio e fate il soffritto classico. Mettete i fagiolini nella pentola a pressione, lavate e sbucciate le patate, fatele a dadini e mettete anche queste nella pentola a pressione. Lasciate insaporire le verdure per qualche minuto, poi aggiungete l’acqua in modo da ricoprire  appena le verdure, chiudete la pentola a pressione e lasciate cuocere. Non abbondate con l’acqua, avrete sempre tempo di aggiungerne un poco. Da quando la pentola a pressione comincia a fischiare, calcolate 10 minuti circa. Lasciate raffreddare, immergete il frullatore e lasciatelo andare sino ad avere una vellutata dalla consistenza cremosa, piuttosto densa, aggiustate di sale. Servite in un piatto con delle gocce di pesto (proprio quello che utilizzate per la pasta), un filo di olio evo, un cucchiaio di parmigiano ed una manciata di crostini……..
Lascia un commento goloso
Articoli Correlati
Scamorza al forno dai sapori autunnali
16 ottobre 2017
Tartare di fassona piemontese con melograno
11 ottobre 2017
Crostoni di polenta con zucca e briciole di ventricina croccante
9 ottobre 2017
Minestre e Zuppe

Vellutata fave, piselli e zucchine


Finalmente oggi vi posso proporre una ricetta realizzata esclusivamente con le verdure dell’orto: fave, piselli e le prime zucchine romanesche! E’ una vellutata dal sapore delicato che io ho reso ancora più morbida con l’aggiunta di un paio di cucchiai di panna acida. Inoltre ho voluto provarla fresca magari con l’aggiunta di una foglia di menta e l’ho trovata ugualmente gradevole. Ed ora tocca a voi!….Scusatemi ma le foto delle mie ricette ultimamente non sono un granché…..ho l’obiettivo della macchina fotografica seria che si è rotto ed adesso devo comperarne uno nuovo :-((((

Per 4 persone400 gr di zucchine150 gr di fave150 gr di piselli1 cipollotto2 cucchiai di creme fraiche CameoAcqua q.b.Sale q.b.Olio evo q.b.
Sgranare le fave ed i piselli. Io ho cucinato le fave con la loro pellicina perché trattandosi di fave dell’orto, rigorosamente biologiche non mi andava di scartare anche la pellicina. Tagliate a cubotti le zucchine. Affettate finemente il cipollotto. Nella pentola a pressione scaldate un filo di olio, lasciate andare il cipollotto e poi le verdure. Rosolate il tutto. Aggiungete l’acqua sino a coprire le verdure. Cuocete 5 minuti da quando la pentola a pressione comincia a fischiare. Se non utilizzate la pentola a pressione, cuocete per 20 minuti circa. Frullate il tutto. A questo punto avete due alternative: dopo aver frullato le verdure otterrete un composto cremoso al quale mescolerete la creme fraiche; in questo caso però, avrete una texture non completamente liscia perché è inevitabile che rimanga qualche pellicina sotto al palato sfuggita al frullatore ad immersione. In alternativa potete passare col cinese la vellutata, in questo caso unirete la creme fraiche alla vellutata in un secondo momento: se dovete dare la vellutata ad un bimbo, questa seconda ipotesi è senz’altro da privilegiare. Aggiustate di sale. Servite condita da un filo di olio ed una spolverata di parmigiano. E’ ottima anche fredda.


Lascia un commento goloso
Articoli Correlati
Frittelle di piselli, pecorino e menta
17 febbraio 2017
Risotto castagne, porcini e pancetta croccante
17 gennaio 2017
Tagliolini al salmone con porri e scorza di limone
2 gennaio 2017
Minestre e Zuppe

Caciucco vegetariano



“Un caciucco vegetariano?”: è stata questa la reazione dell’Uomo Goloso quando gli ho annunciato che mi sarei cimentata nella preparazione di un caciucco diverso dal solito. Il caciucco a cui ho pensato e che vi propongo oggi è uguale al caciucco tradizionale, nella preparazione, ma ho sostituito il pesce con i ceci neri della Murgia carsica che avevo comperato su Gourmant…..




……..sito di specialità italiane che frequento da un po’ e da cui compro spesso. 
I ceci neri era la prima volta che li utilizzavo e devo confessare che mi piacciono moltissimo: sono piccoli, coriacei (ci vogliono circa 3 ore per cuocerli!), ma hanno un cuore tenero e saporito. Inutile dirvi che non sono riuscita nell’intento di far mangiare questo caciucco alla piccola….

150 gr di ceci neri della Murgia
1 carota
1 cipolla piccola
1 costa di sedano
1 foglia di alloro oppure 1 cucchiaio di alloro sminuzzato (io ho usato quest’ultimo)
1 spicchio di aglio
½ bicchiere di vino rosso
400 gr di pomodori pelati
sale q.b.
olio evo q.b.Fette di pane abbrustolito q.b.

12 ore prima mettete ammollo i ceci e poi cuoceteli : io li ho cotti circa 50 minuti con la pentola a pressione, altrimenti con la pentola normale il tempo di cottura sale a 180 minuti.
In una pentola scaldate dell’olio e fate soffriggere la carota, la cipolla ed il sedano. Quando saranno dorati, aggiungete lo spicchio d’aglio, l’alloro e poi il vino rosso. Lasciate che la parte alcolica del vino evapori, poi unite i pomodori pelati e continuate la cottura per mezz’ora almeno. Spegnete e lasciate raffreddare, recuperate la foglia di alloro e lo spicchio d’aglio e frullate questa salsa.  Aggiungete  i ceci e proseguite la cottura per altri 30 minuti. Abbrustolite le fettine di pane al forno, se vi piace potete anche passarci l’aglio. Versate questa zuppa fumante sulle fettine di pane, lasciate che si ammorbidiscano e poi divorate il tutto!
Lascia un commento goloso
Articoli Correlati
Vellutata castagne e lenticchie
14 ottobre 2016
Bisque di gamberetti con lenticchie e tofu
8 marzo 2016
Minestra di ceci, patate e porcini
16 novembre 2015
Minestre e Zuppe

Minestrone cremoso ai 3 cereali e alle lenticchie


Una delle poche attività fisiche praticate dall’Uomo Goloso è quella di salire e scendere dalla bilancia prima e dopo il fine settimana: immancabilmente, nelle 48 ore che separano l’inizio e la chiusura del weekend, il suo peso sale di almeno 1 kg e ½ …..








…..tutto questo perché nei momenti di pausa ci divertiamo a pasticciare in cucina e perché Lui si offre volentieri a fare da cavia assaggiando i risultati dei miei esperimenti! Insomma l’unico aspetto deleterio dei nostri fine settimana è l’aumento di peso; non fosse per questo piccolo dettaglio le nostre pause settimanali sarebbero veramente idilliache! E dopo un weekend passato a spadellare un minestrone orzo, farro ed avena con lenticchie decorticate ci sta proprio tutto!
150 gr di orzo, farro e avena (io li ho mischiati sino ad avere il peso che mi serviva)
50 gr di lenticchie decorticate (le uso decorticate perché hanno un colore che le rende più appetibili alla cucciola di casa)
1 porro medio
2 carote medie
½ sedano
1/3 sedano rapa
1 patata grossa
1 cucchiaio di concentrato di pomodoro
sale grosso q.b.
1 filo di olio evo q.b.

Nella pentola con un filo di olio, fate rosolare il soffritto (al posto della cipolla, ho utilizzato il porro che è una verdura di stagione), aggiungete i tre cereali, coprite con l’acqua ed iniziate la cottura. Con la pentola a pressione il tempo di cottura è di 10 minuti, con una pentola normale di 20 minuti almeno. Spegnete ed aggiungete il sedano rapa, la patata, il concentrato di pomodoro. Aggiustate di sale ed aggiungete, eventualmente dell’altra acqua. Proseguite la cottura con la pentola a pressione per altri 5 minuti, con la pentola normale moltiplicate per due il tempo. Spegnete, lasciate raffreddare. Io sono stata costretta a frullare questo minestrone perché altrimenti la Nanetta non se lo sarebbe mai mangiato! Questa volta però l’ho frullato appena appena in modo da lasciare la texture dei cereali e delle lenticchie. Servitelo accompagnato da crostini e da un filo di olio evo a crudo…..delizioso ma soprattutto completo!

Lascia un commento goloso
Articoli Correlati
Vellutata castagne e lenticchie
14 ottobre 2016
Bisque di gamberetti con lenticchie e tofu
8 marzo 2016
Minestra di ceci, patate e porcini
16 novembre 2015
Seo wordpress plugin by www.seowizard.org.