Archivio Mensile

febbraio 2015

Pesce

Polpette di salmone e maionese vegana di mais


Questa settimana le mie ricette sono di ispirazione orientale: l’altro giorno vi ho proposto i pad thai con gamberi e broccoli, mentre oggi è il turno delle polpettine di salmone servite con salsa teriyaki fatta in casa e maionese vegana di mais…..





…..provatele perché sono veramente gustose oltre ad essere di semplice realizzazione. Ho trovato questa ricetta su di un sito francese e l’ho rifatta aggiustando le dosi secondo il mio gusto personale: ho utilizzato del salmone fresco invece di quello in scatola, ho diminuito le proporzioni per la salsa teriyaki, ho incrementato le dosi di limone nella maionese……insomma alla fine della fiera, le mie polpettine sono un bel po’ diverse da quelle presentate sul sito!
 Ingredienti per 2 persone2 tranci di salmone da 120-130 gr l’uno1 uovo50 gr di pangrattatosemi di sesamo q.b.Salsa:1 cucchiaio di sciroppo d’acero2 cucchiai di salsa di soiaEmulsione:1 piccola lattine di mais1 limone q.b.2 cucchiai di olio d’olivaSale e pepe q.b.
Cuocete in padella il salmone per 3-4 minuti, lasciatelo raffreddare e poi sminuzzatelo. Mescolate salmone, uova e pangrattato e formate delle piccole palline, aggiungendo un poco di sale. Cuocete le polpettine nell’olio. Mescolate lo sciroppo di acero e la salsa di soia: immergete le polpettine di salmone in questa salsina e poi passatele nei semi di sesamo.In un frullatore mescolate il mais, il succo di limone e l’olio d’oliva sino ad ottenere un composto spumoso. Aggiungete sale e pepe.

Gustate le polpettine accompagnate dalla “maionese” di mais.
Lascia un commento goloso
Articoli Correlati
Calamari ‘mbottonati
17 agosto 2017
Tartare di ricciola e pesto di ortaggi estivi
31 luglio 2017
Spaghetti con astice e pomodorini
12 luglio 2017
Pesce

Pad thai broccoli e gamberi



Tra le tante attività svolte nel weekend appena trascorso, quella che ha sicuramente più divertito la Nanetta, la sottoscritta e l’Uomo Goloso è stata la sfilata di dragoni e maschere a cui abbiamo assistito domenica, a Milano, per celebrare il Capodanno Cinese. La giornata nella Chinatown milanese è stata stancante ma piacevole. 



Si sono susseguiti draghi e dragoni, maschere a forma di capra, bimbi che suonavano strumenti a percussione, principesse cinesi nei loro sontuosi costumi e praticanti di arti marziali ed ancora bambini con maschere di dragoni in miniatura e danzatrici che indossavano gli scomodissimi calzari con il tacco centrale…..insomma in via Paolo Sarpi ha sfilato un pezzettino di Cina con i suoi usi ma, soprattutto, con i suoi costumi!

E la ns gita “esotica” non poteva non concludersi con la tradizionale visita allo store Kathay, una vera e propria caverna di Alì babà in fatto di cibo asiatico!

80 gr di noodle di riso
300 gr di gamberoni sgusciati
200 gr di broccoli
salsa di soia q.b.

Cuocete le tagliatelle di riso per 4-5 minuti circa. In una padella oppure in un wok mettete un filo di olio e saltate i gamberoni per un paio di minuti, aggiungete un uovo e poi le tagliatelle insieme alla salsa di soia, lasciando insaporire il tutto per un paio di minuti. Unite i broccoli che avrete precedentemente sbollentato (i broccoli devono rimanere croccanti) ed affettato: saltate il tutto ancora per un paio di minuti e servite caldi.
Lascia un commento goloso
Articoli Correlati
Calamari ‘mbottonati
17 agosto 2017
Tartare di ricciola e pesto di ortaggi estivi
31 luglio 2017
Spaghetti con astice e pomodorini
12 luglio 2017
Dolci

Tortine mele e ricotta


Ed eccoli qui i miei dolci del momento, soffici, dolci al punto giusto ed ottimi per la prima colazione! La ricetta di oggi è molto versatile nel senso che potrete personalizzarla a vostro piacimento. 


Al posto della ricotta provate ad usare dello yogurt bianco; invece della granella di zucchero usate la granella di nocciole o di pistacchio oppure, come ho fatto io per la piccola, delle scaglie di cioccolato fondente; sostituite le mele con le pere, il risultato è sempre soddisfacente e gustoso!

Buon fine settimana a tutti! Sabato è l’ultimo giorno di Carnevale e noi sfileremo in maschera insieme alla nostra coccinella preferita!
2 uova50 gr di burro120 gr di ricotta vaccina120 gr di farina40 gr di fecola80 gr di zucchero2 mele di medie dimensioni½ bustina di lievito per dolciSucco di limone q.b.Zucchero in granella o cioccolato in scaglie
Lavorate il burro sino a farlo diventare una crema, unite le uova una ad una continuando a sbattere. Poi aggiungete la ricotta, lo zucchero, la farina, il lievito e la fecola: mescolate bene. Nel frattempo tagliate le mele a dadini ed irroratele con il succo di limone affinché non diventino nere. Unite le mele all’impasto. Imburrate una teglia per muffin o dei pirottini, ripartite: io ho decorato delle tortine con la granella di zucchero, altre con le scaglie di cioccolato fondente. Mettete in forno a 180° per mezz’ora circa. Fate la prova stuzzicadenti prima di tirarli fuori. Lasciate raffreddare prima di mangiarle.



Lascia un commento goloso
Articoli Correlati
Muffin cioccolato fondente e banane
19 giugno 2017
Crostatine alla crema di limone e frutta fresca
8 giugno 2017
Torta fraisier ovvero torta alle fragole
23 maggio 2017
Antipasti

Di ostriche, burro e pecorino



Amo moltissimo i frutti di mare anche se da quando sono tornata in Italia li mangio raramente. E quindi venerdì sera quando sono tornata a casa dal lavoro mi ha fatto immensamente piacere trovare delle ostriche gentilmente offerte da mio suocero che conosce bene i miei punti deboli.






Non ci ho pensato due volte a preparare queste ostriche con del burro fuso e del pecorino romano proprio come le avevo mangiate l’estate scorsa in un ristorante di Vasto….preparate così mi piacciono tantissimo ma, soprattutto, piacciono anche alla Nanetta!
Ingredienti
Ostriche (il numero lo scegliete voi)Burro dolce q.b.Pecorino romano grattugiato q.b.Prezzemolo q.b.
Aprite le ostriche, togliete la gran parte del liquido all’interno. Fate fondere del burro che verserete sulle ostriche, aggiungete del pecorino grattugiato e del prezzemolo tritato finemente. Infornate a 180° per 10 minuti.
Gustate calde. 
2 Commenti golosi
Articoli Correlati
Insalata di fagiolini e patate con salsa al formaggio fresco
22 giugno 2017
Rotolo di sfoglia con mortadella e crema di ricotta
5 giugno 2017
Asparagi con salsa gribiche
19 maggio 2017
Antipasti

Crostoni cime di rapa, stracciatella ed alici



Domenica scorsa avevo a pranzo dei cari amici: visto che il menù era abbastanza sostanzioso, ho deciso di non preparare l’antipasto…..Ma poi avevo del pane di Altamura, della stracciatella appena comperata, delle cime di rapa tenerelle e delle alici sott’olio e mi sono detta che forse avrei potuto assemblare il tutto per uno sfizioso stuzzichino. 



È piaciuto talmente tanto che mio marito ha chiesto il bis da fare prossimamente!

1 fetta di pane di Altamura a personaCime di rapa sbollentate q.b.Concentrato di pomodoro q.b.½ cucchiaio di stracciatella per ogni crostone1 alice sott’olioSale q.b.

Tagliate in due le fette di pane. Passate un velo sottile di concentrato di pomodoro sul crostone, se fossimo in estate avrei stropicciato del pomodoro fresco sulla fetta di pane, ma il sapore dei pomodori che si trovano nel mese di febbraio è piuttosto scialbo ed allora ho optato per il concentrato di pomodoro. Adagiate le cime di rapa sbollentate sul crostone, aggiungete la stracciatella e guarnite con un’alice sott’olio. Aggiustate di sale se necessario. Passate in forno a 160° per 10 minuti circa, giusto il tempo che la stracciatella si sciolga. Gustate caldi!
Lascia un commento goloso
Articoli Correlati
Insalata di fagiolini e patate con salsa al formaggio fresco
22 giugno 2017
Rotolo di sfoglia con mortadella e crema di ricotta
5 giugno 2017
Asparagi con salsa gribiche
19 maggio 2017
Pesce

Capesante e purea di sedano rapa


Era da un po’ di tempo che avevo voglia di capesante. Non le ho trovate fresche e mi sono dovuta “accontentare” di quelle surgelate…accontentare perché le ho trovate molto piccole rispetto alle dimensioni di quelle fresche e decisamente meno saporite. 



E poi visto che il sapore del sedano rapa è piaciuto molto, ho preparato una semplice purea su cui adagiare le capesante appena scottate in padella. Buono il risultato finale, la ricetta è molto delicata nel complesso, una ricetta femminile direi…..per continuare in maniera soft la settimana!
20 capesante (io le ho private del corallo che a me non piace molto)
½ sedano rapa
burro demi-sel q.b.
1 cucchiaio di parmigiano
sale q.b.
aceto balsamico o glassa q.b.
Tagliate a cubotti il sedano rapa, mettetelo in una pentola e bollitelo per 15 minuti circa. Io ho usato la pentola a pressione e l’operazione di cottura del sedano rapa è durata 5 minuti. Scolate il sedano rapa, frullatelo, rimettete la purea in una casseruola, aggiungete una noce di burro salato e lasciatelo cuocere 5 minuti circa, aggiungendo alla fine della cottura un cucchiaio di parmigiano, un pizzico di sale e della noce moscata grattugiata. Se dovesse risultare troppo compatto, potete aggiungere del latte di soia: la mia purea andava bene e non c’è stato bisogno di aggiungere altro. Saltata in padella le capesante con un filo di burro: non dovranno cuocere più di un paio di minuti. Mettete la purea di sedano rapa nel piatto, disponete le capesante,  a questo punto ci vuole una generosa manciata di pepe macinato al momento. Potete servire il piatto con un filo di glassa balsamica.


Lascia un commento goloso
Articoli Correlati
Calamari ‘mbottonati
17 agosto 2017
Tartare di ricciola e pesto di ortaggi estivi
31 luglio 2017
Spaghetti con astice e pomodorini
12 luglio 2017
Dolci, Frutta

Torta alla crema di marroni

Torta alla crema di marroni

Sono sempre alla ricerca di dolci soffici soffici da mangiare la mattina per la mia prima colazione e recentemente ne ho provati due che ho apprezzato particolarmente. Avevo in casa una confezione di crema di marroni che mi è stata portata dalla Francia, leggermente vanigliata che giaceva su di uno scaffale della mia cantina: volevo utilizzarla in un dolce in cui il gusto della crema di marroni non fosse troppo invasivo e mi sono messa alla ricerca di una ricetta sui siti francesi. 

1 Commento goloso
Articoli Correlati
Calamari ‘mbottonati
17 agosto 2017
Insalata niçoise
14 agosto 2017
Pomodori con riso
8 agosto 2017
Minestre e Zuppe

Caciucco vegetariano



“Un caciucco vegetariano?”: è stata questa la reazione dell’Uomo Goloso quando gli ho annunciato che mi sarei cimentata nella preparazione di un caciucco diverso dal solito. Il caciucco a cui ho pensato e che vi propongo oggi è uguale al caciucco tradizionale, nella preparazione, ma ho sostituito il pesce con i ceci neri della Murgia carsica che avevo comperato su Gourmant…..




……..sito di specialità italiane che frequento da un po’ e da cui compro spesso. 
I ceci neri era la prima volta che li utilizzavo e devo confessare che mi piacciono moltissimo: sono piccoli, coriacei (ci vogliono circa 3 ore per cuocerli!), ma hanno un cuore tenero e saporito. Inutile dirvi che non sono riuscita nell’intento di far mangiare questo caciucco alla piccola….

150 gr di ceci neri della Murgia
1 carota
1 cipolla piccola
1 costa di sedano
1 foglia di alloro oppure 1 cucchiaio di alloro sminuzzato (io ho usato quest’ultimo)
1 spicchio di aglio
½ bicchiere di vino rosso
400 gr di pomodori pelati
sale q.b.
olio evo q.b.Fette di pane abbrustolito q.b.

12 ore prima mettete ammollo i ceci e poi cuoceteli : io li ho cotti circa 50 minuti con la pentola a pressione, altrimenti con la pentola normale il tempo di cottura sale a 180 minuti.
In una pentola scaldate dell’olio e fate soffriggere la carota, la cipolla ed il sedano. Quando saranno dorati, aggiungete lo spicchio d’aglio, l’alloro e poi il vino rosso. Lasciate che la parte alcolica del vino evapori, poi unite i pomodori pelati e continuate la cottura per mezz’ora almeno. Spegnete e lasciate raffreddare, recuperate la foglia di alloro e lo spicchio d’aglio e frullate questa salsa.  Aggiungete  i ceci e proseguite la cottura per altri 30 minuti. Abbrustolite le fettine di pane al forno, se vi piace potete anche passarci l’aglio. Versate questa zuppa fumante sulle fettine di pane, lasciate che si ammorbidiscano e poi divorate il tutto!
Lascia un commento goloso
Articoli Correlati
Vellutata castagne e lenticchie
14 ottobre 2016
Bisque di gamberetti con lenticchie e tofu
8 marzo 2016
Minestra di ceci, patate e porcini
16 novembre 2015
Seo wordpress plugin by www.seowizard.org.