Archivio Mensile

maggio 2013

Pasta

Mezze maniche con asparagi, fave, guanciale e pecorino



Sarà perché manco da Roma oramai da 13 anni, sarà perché il posto dove sei nato e cresciuto ti rimane nel sangue ovunque tu decida di trascorrere la tua vita, ma ogni volta che ritorno nella mia città natale, anche se per pochissimo tempo, mi sento in vacanza.



E’ successo ancora una volta lo scorso fine settimana lungo che abbiamo passato a Roma: nonostante le temperature non proprio miti ed un sole a volte latitante, abbiamo trascorso 4 giorni all’insegna del mangiar bene, delle passeggiate, del ritrovarsi con vecchi amici che non vedevamo da tempo…..un fine settimana che ci è sembrato volesse non finire più, che ci ha permesso di rigenerarci, di areare il cervello, un fine settimana da slow living, quella filosofia di vita che sto cercando piano piano di interiorizzare e far mia, imponendo a me stessa di vivere con più lentezza, assaporando anche le cose più semplici che mi circondano e prendendomi del tempo di qualità da dedicare a quello che amo di più.
Naturalmente durante queste brevi vacanze romane, non potevano mancare gli assaggi di primizie locali: pecorino a gogo di tutte le stagionature, fragole di Terracina, asparagi verdi sottili, gli ultimi carciofi e le ultime fave……ed è stato proprio con tre di questi ingredienti che mia mamma ci ha preparato questa deliziosa pasta che io vi propongo immediatamente.
Buona settimana a tutti!
La mia inizia soltanto oggi :-))))

200 gr di asparagi verdi sottili appena sbollentati
200 gr di fave sbucciate
1 cipollotto
50 gr di guanciale tagliato a striscioline sottilissime
30 gr di pecorino romano
Olio evo q.b.
Sale q.b.

In una padella scaldate un filo di olio (ne serve veramente pochissimo), poi unite il guanciale, lasciandolo cuocere a fuoco svelto per 2-3 minuti. Aggiungete il cipollotto tagliato sottile sottile, lasciatelo appena imbiondire e versate le fave : cuocete il tutto per 4-5 minuti. Aggiungete gli asparagi che avrete fatto a pezzetti, proseguite la cottura per un paio di minuti. Salate solo dopo aver assaggiato l’intingolo. Nel frattempo cuocete la pasta, scolatela e mantecatela un minuto nella padella avendo cura di mescolare bene tutti gli ingredienti. Aggiungete una generosa manciata di pecorino e servite caldo a tavola.
3 Commenti golosi
Carne

Il mio pollo al curry


E’ vero che mangio pochissima carne anche se, ultimamente, sul mio blog le ricette di carne non sono di certo mancate: è anche vero, però, che quelle sporadiche volte in cui mi cimento nella preparazione di ricette a base di carne, il risultato è molto apprezzato da tutti i commensali e non solo dalla sottoscritta.





Questa ricetta poi ha una storia tutta particolare. Nel periodo in cui ero incinta, andavo sempre a prendere il pranzo in una gastronomia in Viale Montenero, vicino a Porta Romana, che faceva dei piatti strepitosi….il giovedì era consacrato al pollo al curry che andava, naturalmente, prenotato perché tutti se lo contendevano….ma siccome io avevo il pancione e dovevo mangiare il doppio, il proprietario della gastronomia mi teneva sempre da parte un’abbondante porzione di questo pollo al curry che, onestamente, è il più buono che io abbia mangiato: forse perché è una versione riveduta e corretta e, soprattutto, adattata al gusto nostrano!
Per 4 persone600 gr di petto di pollo
2 mele
2 carote
2 zucchine
1 cipolla
2 cucchiai di uvetta secca grande
1 brick da 200 ml di latte di cocco
3 cucchiaini di curry
olio di semi q.b.
sale q.b.
200 gr di riso basmati Pulite il petto di pollo, privatelo delle cartilagini e tagliatelo a striscioline oppure a dadini, come preferite.
Tagliate a bastoncini le zucchine e le carote; la cipolla dovrà essere fatta a cubetti mentre la mela a spicchi. Scaldate in un’ampia padella dell’olio, fate rosolare i pezzi di pollo ed aggiungete la polvere di curry. Mescolate il tutto, poi togliete il pollo dalla padella, tenetelo in caldo. Nella stessa padella fate imbiondire la cipolla, unitevi poi le verdure, le mele, il latte di cocco e l’uvetta: lasciate cuocere per 2-3 minuti poi  mescolate con il pollo proseguendo la cottura per altri 10 minuti. Le verdure dovranno rimanere abbastanza croccanti. Nel frattempo lessate il riso basmati, scolatelo e cominciate ad impiattare. Con un coppapasta (io ho usato uno della Tescoma che trovate qui), ho messo al centro del piatto il riso basmati ed ho adagiato sopra il pollo al curry e le sue verdure. Servite e mangiate caldo!
Lascia un commento goloso
Articoli Correlati
Noodles di riso con ananas, gamberi e basilico
12 giugno 2017
Rotolo di sfoglia con mortadella e crema di ricotta
5 giugno 2017
Pasta con ragù di mortadella e piselli
30 maggio 2017
Minestre e Zuppe

Zuppa di farro ed asparagi rosa



Mi ero illusa che la primavera fosse definitivamente arrivata ed invece la pioggia e le temperature al di sotto delle medie stagionali hanno spazzato via tutte le mie speranze….per fortuna che avevo preso dei biglietti per portare la nanetta a vedere il Circo Acquatico…..



ad onor del vero non ero poi così sicura che le piacesse; dalla presentazione mi sembrava che fosse più sul genere del Cirque du Soleil e nonostante mi piaccia moltissimo le Cirque du Soleil, riconosco che non è adattissimo a bambini al di sotto dei 5 anni….invece non solo le è piaciuto moltissimo ma ha anche espresso il desiderio di ritornarci al più presto!
Ieri, invece, siamo rimasti chiusi in casa tutto il giorno anche perché tra pioggia battente e grandine, di uscire non se ne parlava neppure. Ne ho approfittato per preparare dei panini alla farina di farro, un delizioso tortino di patate e funghi (tanto sembra di stare in autunno per cui i funghi ci stanno tutti!), la pizza e questa zuppa di farro ed asparagi che non ha stonato assolutamente!
Per due persone (inutile dirvi che la Nanetta ha rifiutato categoricamente di ingurgitarla)180 gr di farro
15 asparagi rosa o bianchi o verdi
brodo vegetale q.b.
olio evo q.b.
sale q.b.

In una pentola scaldate un filo di olio, aggiungete il farro, dopo averlo sciacquato e scolato, e lasciatelo tostare per un paio di minuti. Poi versate il brodo (circa mezzo litro) e continuate la cottura a fuoco lento mescolando di tanto in tanto. Assicuratevi che rimanga sempre del brodo e che non si asciughi, versando, se necessario, dell’altro brodo. Dopo 15 minuti circa, versate gli asparagi che avrete precedentemente lavato, pulito e tagliato a tocchetti: proseguite la cottura per altri 15 minuti. Servite la zuppa calda, accompagnata da un filo di olio, un pizzico di sale se necessario, ed un cucchiaio di parmigiano. 
Lascia un commento goloso
Articoli Correlati
Vellutata castagne e lenticchie
14 ottobre 2016
Bisque di gamberetti con lenticchie e tofu
8 marzo 2016
Minestra di ceci, patate e porcini
16 novembre 2015
Pasta

Lasagne tonno e mascarpone e….pomodoro….



Rieccomi con un’altra ricetta del riciclo……alzi la mano chi non ha in casa della semplicissima salsa di pomodoro e del tonno in scatola: penso si tratti di quegli alimenti salva cena o salva pranzo che nelle case dell’italiano medio non mancano mai…..ecco se avete questi due ingredienti siete già a metà dell’opera. 


I fogli di pasta per comporre le lasagne si trovano in qualsiasi supermercato anche se, volendo essere puristi, la sfoglia fatta in casa non ha lo stesso sapore di quella comperata….a questo punto vi manca soltanto il mascarpone che potete benissimo sostituire con dello stracchino se preferite una besciamella decisamente più light.Avete tutto il necessario per cimentarvi in questa ricetta semplice, che si conserva bene anche il giorno dopo, può essere portata in ufficio come schiscetta e congelata…..e soprattutto è super facile da “assemblare”!
Buona giornata a tutti! A me aspetta un viaggetto a Firenze presso la sede di Braccialini per parlare di orologi e di gioielli…..
Per 6 persone:fogli di lasagne q.b.280 gr di tonno sgocciolato Circa mezzo kilo di salsa di pomodoro preparata come preferiteParmigiano grattugiato q.b.
Per la besciamella al mascarpone ed al tonno:• 250 gr di mascarpone• farina 50g• 50 g di burro• sale e pepeCominciate  a preparare la besciamella seguendo questa ricetta: incorporate il mascarpone e mescolate bene; se volete una salsa più liquida, aggiungete un po’ di latte; sbriciolate il tonno e aggiungetelo alla besciamella.   
Preriscaldare il forno a 180 °. In una pirofila da forno, versate un po’ di salsa di pomodoro sul fondo e cominciate a disporre i fogli di lasagna. Versate la besciamella al mascarpone/tonno sui fogli di lasagna;  coprite il foglio con della salsa di pomodoro e continuate fino ad esaurire tutti gli ingredienti. Terminate con uno strato di lasagne ricoperte di besciamella e spolverate con parmigiano grattugiato. Cuocete in forno per 40 minuti circa. Togliete dal forno e lasciate intiepidire le lasagne per 5 minuti circa prima di consumarle.
2 Commenti golosi
Articoli Correlati
Noodles di riso con ananas, gamberi e basilico
12 giugno 2017
Rotolo di sfoglia con mortadella e crema di ricotta
5 giugno 2017
Pasta con ragù di mortadella e piselli
30 maggio 2017
Carne

Millefoglie di manzo e pomodori verdi con maionese all’erba cipollina




Wow! Che bello! Un fine settimana intero senza pioggia (o quasi) e senza nuvole! Veramente, dalle mie parti, la giornata di venerdì non è stata fantastica: pioggia e nuvole si sono alternate nell’arco della giornata e non facevano presagire nulla di buono per il fine settimana. 
Fortuna, invece, che sabato mattina ci siamo alzati sotto un cielo terso ed un sole caldo: abbiamo deciso così di portare la Nanetta al parco delle Cornelle, un parco-zoo in Val Brembana, provincia di Bergamo, in cui accanto agli animali che si trovano tradizionalmente in qualsiasi zoo, ci sono anche delle specie molto rare come la tigre bianca o la lepre della Patagonia…..ora so che molti di voi sono contrari, per principio, al concetto di zoo, e che gli animali si dovrebbero scoprire e conoscere dal vivo, ma portare una piccoletta di 3 anni e mezzo in Africa non è proprio così semplice. E così, a grande richiesta dell’interessata, sabato mattina ci siamo messi in moto ed abbiamo trascorso una giornata all’insegna delle scoperte e della spensieratezza. Da quando sono diventata mamma ho realizzato che non c’è niente di più bello al mondo che vedere la propria figlia felice: quando lei ride, è contenta e mi dimostra tutto il suo entusiasmo per quello che stiamo facendo insieme, sono al settimo cielo.E in onore di questo primo vero weekend primaverile, eccovi una ricetta, non mia, ma dello chef di Paprika eZenzero, Teresa Casanova.Buona settimana a tutti!
4 pomodori verdi
300 gr di carpaccio di manzo
Per la maionese:
1 tuorlo d’uovo
1 cucchiaino di senape
limone
100 gr di olio di semi
erba cipollina q.b.
sale q.b.
Lavate i pomodori, tagliateli con il coltello a fettine sottili, conservando il picciolo che servirà per la presentazione finale; cominciate la composizione del millefoglie alternando una fettina di carpaccio con una fettina di pomodoro. Preparate la maionese con il tuorlo, la senape, il limone e l’olio di semi. Una volta montata la maionese, aggiungete l’erba cipollina. Decorate il millefoglie con la maionese e servite in tavola.
4 Commenti golosi
Articoli Correlati
Noodles di riso con ananas, gamberi e basilico
12 giugno 2017
Rotolo di sfoglia con mortadella e crema di ricotta
5 giugno 2017
Pasta con ragù di mortadella e piselli
30 maggio 2017
Antipasti

Supplì di riso ed asparagi con scamorza dolce



Non voglio fare la polemica, ma ultimamente va molto di moda parlare della cucina del riciclo: sarà forse a causa della crisi che ci ha costretto, nostro malgrado, a rivedere le abitudini alimentari; sarà anche che siamo diventati tutti più attenti al tema dell’ambiente…..fatto è che anche in televisione si danno spesso consigli e suggerimenti su come consumare meglio tutto quello che acquistiamo….

A me tutto questo parlare della cucina del riciclo sa un po’ della scoperta dell’acqua calda: prima di me mia mamma e mia nonna, da oculate casalinghe quali erano, improvvisavano ricette con gli “avanzi” anche perché di buttare del cibo non se ne parlava proprio……anch’io nel mio piccolo, cerco sempre di utilizzare in maniera diversa quello resta e, nel caso dei supplì, faccio volutamente più risotto per poi avere la materia prima per realizzare questa appetitosa ricetta. Questa volta ho usato un risotto bianco preparato con gli asparagi rosa di Mezzago che ho comperato nel weekend in occasione della Sagra dell’Asparago rosa.
Risotto agli asparagi 1 uovoPangrattato casalingo q.b.Scamorza dolce q.b.Olio di semi per friggere q.b.
Preparate il risotto con agli asparagi ma in questo caso, prevedete circa 100 gr di in più  di riso. Consumate il vs risotto e lasciate raffreddare quello che vi servirà per preparare i supplì. Tagliate la scamorza dolce a cubetti piccoli, sbattete l’uovo e salatelo. Con le mani formate delle pallottoline di riso mettendo al centro di ognuna un pezzetto di scamorza. Immergete la pallina nell’uovo sbattuto e poi rotolatela nell’uovo. Scaldate l’olio, immergete i supplì cuoceteli sino a quando non avranno assunto un bel colore dorato e servite caldi in tavola!
Lascia un commento goloso
Articoli Correlati
Noodles di riso con ananas, gamberi e basilico
12 giugno 2017
Rotolo di sfoglia con mortadella e crema di ricotta
5 giugno 2017
Pasta con ragù di mortadella e piselli
30 maggio 2017
Pesce

Filetto di tonno vitellato con misticanza aromatica





No, non sono scomparsa e neppure sono emigrata nei mari del sud alla ricerca di un po’ di sole che qui stenta ad arrivare….è solo che il 25 aprile scorso si è aperta a Basilea la più importante fiera mondiale dell’orologeria e della gioielleria ed io, visto che oltre a fare la mamma ed avere un blog di cucina, tengo anche un mestiere, sono andata lì per 5 giorni. E’ stata una fiera faticosa e soddisfacente: faticosa perché come tutte le fiere ci si va per lavorare almeno 12 ore al giorno e soddisfacente perché abbiamo presentato in anteprima mondiale la nuova collezione di orologidel marchio italiano Braccialini…..
……i primi riscontri avuti dai numerosi distributori stranieri che hanno avuto modo di vedere la collezione sono stati molto molto positivi e ci lasciano ben sperare anche per il mercato italiano. Quindi per 5 giorni niente blog, niente Nanetta e niente Uomo Goloso che hanno pensato bene, durante la mia assenza, di ammalarsi L: sono tornata a casa la notte del 30 aprile ed il 1° maggio l’ho passato occupandomi del mio cucciolo d’uomo che aveva urgentemente bisogno della sua mamma, ho disfatto le valige ed ho oziato tra divano, sdraio poltrona……
Ed eccomi nuovamente qui con una ricetta di pesce camuffata da carne…..si tratta sempre di una delle ricette del corso seguito dall’Uomo Goloso un po’ di tempo fa!


Ingredienti per 4 persone
480 gr di tonno
sale e pepe q.b.

Per la salsa di arrosto
200 gr di sugo di arrosto
60 gr di salsa di soia
40 gr di capperi
2/3 filetti di acciughe sott’olio
50 gr di olio evo

Il sugo di arrosto lo preparate così: fate un arrosto di vitello condendolo con erbe aromatiche (timo, bacche di ginepro, chiodi di garofano, alloro) aggiungete pepe, carote, sedano e  cipolla. Cuocete l’arrosto come lo fate tradizionalmente, mettete da parte la carne che utilizzerete a parte, mentre dovrete frullare tutti gli ingredienti sopra menzionati: se risulta molto denso, aggiungete del brodo vegetale.

Per la decorazione
100 gr di insalatina misticanza
Cucunci q.b.
Salate e pepate il tonno, avvolgetelo nella pellicola trasparente e lasciatelo riposare in frigorifero per un’ora almeno. Fate riprendere il bollore al sugo di arrosto e, se vedete che è molto liquido, aggiungete una punta di burro e farina. Frullate il sugo aggiungendo l’olio d’oliva a filo, i capperi, le acciughe e la salsa di soia. Mettete la salsa sul fondo del piatto, disponetevi sopra i filetti di tonno marinati e decorate con i cucunci e la misticanza.
Lascia un commento goloso
Seo wordpress plugin by www.seowizard.org.